Ristoratore omofobo in una masseria pugliese: le sue parole

ristoratore omofobo masseria pugliese
ristoratore omofobo masseria pugliese

All’inzio dell’estate 2022, nell’Italia del Ventunesimo secolo, si susseguono gli episodi di omofobia di cui ragazzi e ragazze finisco vittime. L’ultima notizia arriva dalla Puglia e a raccontare quanto vissuto è stato il diretto interessato, vittima del disprezzo di un ristoratore.

Ristoratore omofobo in una masseria pugliese: il racconto

Il ragazzo vittima del triste episodio, che preferisce restare in anonimato, ha raccontato quanto successo. L’episodio è avvenuto a Savelletri di Fasano, meta amatissima dai turisti. Come riporta la Repubblica, il giovane era in un ristorante per cena, in compagnia di alcuni amici. All’imbrunire, i camerieri si sono attivati per fornire ai clienti lo spray antizanzare. Tuttavia, quando il ragazzo ha provato a prenderlo è arrivato un secco (e irrispettoso) rifiuto.

“Ero appena uscito da lavoro, ancora in abito. Quando ho provato a prendere lo spray per spruzzarmene un po’ anch’io, il proprietario del ristorante in maniera molto aggressiva mi è venuto incontro e me lo ha strappato dalle mani. Le sue parole sono spaventose: “Io a quelli come te non lo voglio dare lo spray antizanzare”, gli avrebbe detto, oltre ad averlo guardato “con disprezzo”. “Quelli come te” starebbe a indicare le persone omosessuali.

Il ragazzo vittima del triste episodio ha poi contattato il coordinamento del Bari Pride, attualmente in corso e con la parata finale in programma il 2 luglio. I referenti del Pride commentano: Una storia orrenda, umiliante nella sua semplicità”.

Poi il ragazzo ha confidato: Ero così in imbarazzo. Mi sentivo umiliato davanti ai miei amici e alle persone dei tavoli accanto, che hanno assistito alla scena incredule. La mia amica ha preso di petto la situazione, ha chiesto se potessimo pagare e siamo andati via”.

Ho pianto per due ore, ho subito un’aggressione omofoba in passato e naturalmente questo demone si è risvegliato dentro di me, l’ho rivisto nello sguardo di un proprietario omofobo anche a detta dei camerieri, che hanno provato a riparare dicendo che “lui purtroppo non sopporta quelli come te””, ha fatto sapere.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli