Risvegliato dopo 22mila anni: scoperta sensazionale in Siberia

·1 minuto per la lettura
Rotifero Bdelloideo (Cell Press Twitter)
Rotifero Bdelloideo (Cell Press Twitter)

Un gruppo di ricercatori russi e americani è riuscito a “scongelare” e "riportare in vita" una creatura microcellulare di oltre 22mila anni fa. La notizia apparsa su la Repubblica e riportata da Current Biology, riguarda un rotifero Bdelloideo recuperato dal permafrost siberiano nord-orientale. Per i biologi che hanno lavorato alla ricerca si tratta del "caso finora accertato di maggiore sopravvivenza di rotiferi in uno stato di congelamento".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Lo studio condotto su questo organismo primordiale, capace di sopravvivere in condizioni inospitali, ha dimostrato che la vita può conservarsi nel ghiaccio anche 22mila anni.

"Abbiamo fatto rivivere animali contemporanei dei mammuth", ha detto entusiasta Stas Malavin, coautore e scienziato dell'Istituto russo di biologia chimico-fisica della scienza del suolo.

GUARDA ANCHE: Venduto all'asta lo scheletro del tirannosauro

GUARDA ANCHE: Il Nilo ha 30 milioni di anni: è sei volte più vecchio di quanto si pensasse

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli