Rita Pavone: il figlio è il compositore George Merk

rita pavone

Rita Pavone è in gara al settantesimo Festival di Sanremo con un brano intitolato “Niente (Resilienza 74)”, scritto dal figlio George Merk. Compositore molto conosciuto in Svizzera e Inghilterra, il figlio d’arte non ama molto le luci della ribalta. Cosa sappiamo di lui?

Rita Pavone: chi è il figlio?

Dopo ben 47 anni, Rita Pavone è tornata al Festival di Sanremo. La settantesima edizione, traguardo molto importante per la kermesse musicale, vede la cantante salire sul palco dell’Ariston con il brano “Niente (Resilienza 74)”. Il pezzo, che già nel corso della serata d’esordio ha ricevuto numerosi apprezzamenti, è stato scritto dal compositore George Merk. Anche se il nome può apparire come sconosciuto, l’uomo è il figlio di Rita e Teddy Reno. Giorgio, questo il suo nome di battesimo, è nato il 19 maggio del 1974 a Lugano, in Svizzera. È qui, infatti, che i suoi genitori hanno scelto di vivere dopo aver preso la decisione di abbandonare l’Italia. Questo loro addio ha scatenato numerose polemiche, ma non è di questo che vogliamo parlare. Geroge, cresciuto a pane e musica, ha capito che voleva seguire le orme della Pavone e di Reno quando aveva vent’anni. È in questo momento che ha iniziato a dedicarsi a testi, arrangiamenti e stesura di musiche. Nel 2002 ha fondato, insieme ad alcuni compagni di scuola, il suo primo quartetto denominato George e, poco dopo, è uscito il primo album omonimo. Il singolo ‘Winter’ è entrato subito nelle classifiche e nelle playlist delle radio svizzere e la band ha vinto il premio Myrtha Gabardi, equivalente al nostro “Miglior Gruppo Emergente Staniero” di Sanremo.

Il successo

Dopo essersi affermato in Svizzera, George si è trasferito a Londra. Qui ha vissuto per due anni e ha lasciato che la sua musica venisse contaminata da altri stili. Dopo l’esperienza in Inghilterra, il figlio di Rita Pavone e Teddy Reno ha lanciato sul mercato il brano “A Lazy One”, che ha raggiunto lo stesso successo di “Winter”. Merk, che nei testi e melodie si lascia ispirare da Noel Gallagher, ha ottenuto ancora una volta grandi riconoscimenti e lo stesso è avvenuto con il lavoro successivo: “Best Is Yet To Come”, EP di 5 brani contenente anche “Mask On” che, assieme alla title track, diventa un successo su diversi network radiofonici del Regno Unito. L’ultimo album, intitolato “X” è uscito nel 2009.

George a Sanremo 2020

Geroge, in occasione del 70° Festival di Sanremo, ha scritto per mamma Rita il brano “Niente (Resilienza 74)”. La Pavone, tornata all’Ariston dopo ben 47 anni, non poteva che affidarsi in mani più sicure. Un figlio amorevole, ma anche un professionista che ha saputo cucire alla perfezione un pezzo al suo cantante. “Pel di carota” riuscirà a trionfare? Non possiamo ancora saperlo, ma, per molti, averla vista tornare in gara nella kermesse musicale a 75 anni è già una grande vittoria.