Rita Pavone trasferisce l’etichetta discografica in Svizzera

rita pavone

La villa di Rita Pavone è immersa nel verde, a pochissima distanza da Cernobbio e dal lago di Como. La località è però già in Svizzera, dove la cantante ha da tempo spostato affetti e residenza, oltre che i suoi affari. 74 anni compiti lo scorso agosto, l’ex “Per di carota” è peraltro pronta a tornare al Festival di Sanremo, dove partecipò per la prima volta nel lontano 1969. A distanza di oltre 25 anni, Rita ha venduto decine di milioni di dischi, prendendo inoltre parte a moltissime trasmissioni e a diversi film per il piccolo schermo.

Rita Pavone: affari in Svizzera

La “nuova giovinezza” di Rita Pavone si colloca del resto da tempo al di là dei confini nazionali. La società che detiene i guadagni e i diritti della sua attività si chiama “Nel mio piccolo” ed è intestata a “Rita Ori Filomena Merk-Pavone, da Breggia in Morbio Superiore”. Si tratta ovviamente sempre di lei, dal momento che Merk è il cognome del marito, in arte Teddy Reno. Breggia inoltre è un comune del Canton Ticino, mentre Morbio è una sua frazione a tre chilometri dal confine. La società è dunque totalmente di nazionalità elvetica, come sede sempre a Morbio, presso i figli Alessandro e Giorgio Merk. Quest’ultimo, tra le altre cose, è anche autore del brano che l’ex Gianburrasca porterà all’Ariston.

“Sono profondamente italiana. Vivo in Svizzera come Mina, De Benedetti o Tina Turner. Ho il doppio passaporto, ma le mie radici sono in Italia”. Così affermava la cantante poche settimane fa, precisando di preoccuparsi del proprio Paese pur non vivendoci. “I mie genitori sono sepolti in Italia. Sono legata alla mia città che è Torino e tifo Juventus”.