Ritirati dagli scaffali capperi marca Crai: presenza di corpi estranei

capperi-crai

Attraverso un comunicato pubblicato nella giornata del 12 novembre sul sito del ministero della Salute i supermercati Crai hanno annunciato di aver disposto il ritiro di un lotto di capperi sotto aceto a causa delle probabile presenza di corpi estranei all’interno dei vasetti di vetro. L’allarme è scattato lunedì 11, ma al momento non è ancora chiara la natura del corpo estraneo rinvenuto in uno dei barattoli.

richiamo-crai-capperi

Corpi estranei, ritirati capperi Crai

Il lotto di capperi oggetto del provvedimento è il numero L2429 avente data di scadenza fissata al 31 agosto del 2022. L’alimento è stato prodotto per la società Crai Secom Spa al fine di essere venduto nei supermercati Crai nelle confezioni di vetro da 95 grammi ciascuna (55 grammi sgocciolato). La pocedura di ritiro dagli scaffali è scattato a seguito di alcuni test svolti in autocontrollo che hanno svelato la possibile presenza di un oggetto estraneo nei vasetti.

L’avviso per i consumetori

Sempre nel comunicato del ministero della Salute è possibile leggere anche il nome dello stabilimento di produzione, che è quello della Ponti Spa di Ghemme, in provincia di Novara. Al momento l’azienda in questione ha immediatamente già provveduto al ritiro del lotto incriminato. Contestualmente sono stati invitati i consumatori in possesso dei vasetti provenienti dal lotto in questione a restituirli subito al punto vendita dove l’hanno acquistato. Una volta restituito, potranno farsi cambiare il vasetto oggetto del ritiro con un altro non interessato dall’avviso dell’azienda, che ha specificato: “A scopo precauzionale richiamiamo il prodotto per la possibile presenza di un corpo estraneo”.