Ritorna 'Doom', uno dei titoli più famosi nella storia dei videogiochi

(Photo by Christian Petersen/Getty Images)

Nello sport, nella moda, nell'automobilismo: in tutti questi settori c'è un certo interesse per la nostalgia. Anche nei videogiochi si respira quest'aria, in particolare per un motivo tecnico non indifferente: l'obsolescenza.

Cambiano le epoche, cambiano gli strumenti per giocare. E i vecchi titoli non sono più compatibili. Finiscono in un cassetto e tanti saluti, ma i ricordi ogni tanto ritornano. E così Mario non potrà mai abbandonare il mondo dei videogiochi; come del resto titoli quali Fifa, Tekken, Spyro, Crash Bandicoot, GTA, Sonic e Age Of Empires rimarranno sempre nell'immaginario collettivo.

Ora torna anche DOOM, lo sparatutto giocabile su MS-DOS che nel 1993 ebbe un successo clamoroso. DOOM, DOOM II e DOOM 3 sono appena arrivati a sorpresa su Nintendo Switch, la console ibrida che vuole acquisire sempre più fette di mercato, aggiungendosi all'offerta che è già presente su PS4 e XBox. I tre titoli costano venti euro se comprati insieme, o dieci in caso di acquisto solo dei primi due.

Nel 1995 la versione shareware di DOOM, che era appunto scaricabile gratuitamente, era installata su addirittura dieci milioni di computer. Aveva in quel momento più successo dei software di Bill Gates. Doom era considerato molto violento all'epoca, ma tecnologicamente era un gran bel videogioco: il suo protagonista, un marine spaziale finito alle porte dell’inferno, era già in grafica tridimensionale molto prima che diventasse una regola.

Oggi si attende il nuovo capitolo della saga, DOOM Eternal, in uscita il prossimo 22 novembre. Ma a molti non interessa: basta un emulatore sul tuo PC e una bella dose di curiosità informatica per recuperare il vecchio e originale DOOM.

Ci hai mai giocato? Te lo ricordi? Scrivi la tua opinione nei commenti