Ritrovati alcuni pezzi del velivolo che si è schiantato al suolo in Alaska

·1 minuto per la lettura
resti elicottero
resti elicottero

Recuperati i resti dell’elicottero che il 27 marzo si è schiantato sulle montagne dell’Alaska, vicino al ghiacciaio Knik, a nord-est di Anchorage. Nell’incidente hanno perso la vita 5 persone, tra le quali il miliardario Petr Kellner

Recuperati i resti dell’elicottero precipitato

Il National Transportation Safety Board statunitense ha annunciato di avere recuperato i resti dell’elicottero che si lo scorso 27 marzo si è schiantato sulle montagne dell’Alaska, vicino al ghiacciaio Knik, a nord-est di Anchorage.

Il relitto, che è stato trovato sul ghiacciaio Knik, è “tornato a Palmer in un luogo sicuro” ha riferito Clint Johnson dell’NTSB durante un’intervista televisiva, aggiungendo che una squadra di esperti è in arrivo in Alaska per svolgere le dovute attività di investigazione.

Ovvio che la possibilità per gli ingegneri di esaminare i rottami del velivolo permetterà di far progredire notevolmente le indagini circa l’esatta dinamica dell’incidente – ancora tutta da chiarire – che lo scorso sabato è costato la vita a 5 persone, tra le quali il miliardario il miliardario ceco Petr Kellner, l’uomo più ricco della Repubblica Ceca.

L’incidente del 27 marzo

L’elicottero in cui Petr Kellner viaggiava con alcuni amici per un’escursione in eliski a nord di Anchorage si è schiantato contro una montagna e poi è rotolato in discesa per centinaia di piedi, uccidendo il pilota e quattro dei cinque passeggeri. Il giorno successivo i volontari dell’Alaska Montain Rescue Group avevano poi intrapreso una difficile missione di recupero dopo il terribile incidente.