A Riva del Garda Conferenza Internazionale di Meteorologia… -2-

Lcp

Roma, 28 ago. (askanews) - L'evento ospiterà anche uno speciale simposio in onore di Richard Rotunno in occasione del suo 70° compleanno. Rotunno - si legge in una nota di Università di Trento e AISAM - è attualmente "senior scientist", ossia dirigente di ricerca, al National Center for Atmospheric Research (NCAR) a Boulder in Colorado. NCAR è il più prestigioso ente di ricerca statunitense nei settori dell'atmosfera, della meteorologia e del clima, e uno dei più grandi al mondo.

In questa istituzione Rotunno ha svolto la maggior parte della sua attività, dopo la laurea in ingegneria meccanica a New York e il dottorato in geofisica a Princeton. I suoi lavori di ricerca hanno spaziato dalle brezze marine, alle correnti atmosferiche sulle catene montuose e alle precipitazioni orografiche, alle circolazioni a regime di brezza nelle valli montane, ai tornado e ai cicloni tropicali. Memore delle origini italiane, ha sempre mantenuto intense collaborazioni scientifiche con diversi ricercatori del nostro paese, anche attraverso l'organizzazione di numerose scuole estive in Italia.

Il convegno sarà preceduto nei giorni 28-30 agosto a Rovereto dal 1° Workshop del Programma di Cooperazione internazionale "TEAMX - Multi-scale transport and exchange processes in the atmosphere over mountains - programme and experiment". Il programma si colloca nella scia di grandi programmi di collaborazione internazionale sulla meteorologia delle Alpi, come ALPEX (1980-1982) e MAP (1994-2005). Punta a realizzare progetti di ricerca internazionali, che prevedano anche campagne sperimentali mirate, con il dispiegamento di strumentazione avanzata messa disposizione da partner di diverse istituzioni e diversi paesi, per il monitoraggio intensivo in aree obiettivo rappresentative di situazioni caratteristiche. Dall'elaborazione di questi dati si potranno ricavare risultati utili a migliorare i modelli meteorologici, che servono per le previsioni, e i modelli climatici, che servono per le proiezioni del clima futuro. Il workshop è la prima occasione pubblica di confronto fra i partecipanti al programma.