"Rivedendo intervista Vespa mi sono sentita male", parla Lucia Panigalli

webinfo@adnkronos.com

di Alisa Toaff "Quando mi sono rivista a casa mi sono sentita veramente male e offesa non solo per me ma per tutte le donne che, come ha detto Vespa, non sono state fortunate come me". Lo sottolinea all'AdnKronos Lucia Panigalli, la donna che vive sotto scorta dopo un tentato femminicidio, dopo l'intervista rilasciata a Bruno Vespa nella puntata di 'Porta a Porta' del 17 settembre. 

"Sono il linea con il pensiero degli italiani che hanno stigmatizzato questo comportamento - prosegue -. Ci sono rimasta male, questo comportamento me lo aspetto dalle persone della strada, non da un professionista come Vespa. Sentivo che la cosa stava diventando molto sgradevole per me - conclude Panigalli - i tempi televisivi non mi hanno dato modo neanche di raccogliere le idee e di capire che le sue affermazioni potevano avermi disturbato".