Rivlin: "Inorridito dalle minacce a Segre"

webinfo@adnkronos.com

"Sono rimasto inorridito nell'ascoltare la notizia che le minacce antisemite contro di Lei hanno reso necessaria protezione per assicurare la sua incolumità". È quanto ha scritto il presidente israeliano Reuven Rivlin in una lettera inviata alla senatrice Liliana Segre.  

"La sua missione personale, la sua forza e il suo coraggio è un modello per noi in Israele e per le comunità ebraiche in tutto il mondo", ha scritto ancora Rivlin. 

 

 

Nella lettera, il cui è testo è stato pubblicato oggi sull'account Twitter del presidente israeliano, Rivlin ribadisce che "non vi sono parole per esprimere adeguatamente l'orrore ed il disgusto per il fatto di essere stata esposta ad un comportamento così criminale. Come sopravvissuta all'Olocausto - continua la lettera - lei ha visto le terribili e tragiche conseguenze dell'antisemitismo se non viene fermato".  

"Come senatrice a vita della Repubblica Italiana, le sono stati riconosciuti 'meriti patriottici straordinari'", scrive ancora Rivlin che sottolinea come questa vicenda "sfortunatamente sia un altro terribile esempio della realtà per gli ebrei oggi in Europa, ma io credo che la risposta più appropriata sia quella di continuare a fare quello in cui si crede". Il presidente israeliano conclude la lettera affermando che "sarebbe un grande onore, personale e per lo stato di Israele, accoglierla a Gerusalemme per una visita in Israele".