Rivoluzione black della Sirenetta: la reazione delle bimbe afroamericane è virale

Rivoluzione black della Sirenetta: la reazione delle bimbe afroamericane è virale (Foto Facebook)
Rivoluzione black della Sirenetta: la reazione delle bimbe afroamericane è virale (Foto Facebook)

"La Sirenetta", il classico Disney del 1989, è pronto per una nuova veste: dopo il "Libro della giungla", "La Bella e la Bestia", il "Re Leone" e "Aladdin", sta per arrivare sul grande schermo il live action de "La Sirenetta", che ha in serbo grandi novità.

VIDEO - Hilary Duff: «Il reboot di Lizzie McGuire? Alla Disney hanno avuto paura»

"La Sirenetta" è pronta a compiere una rivoluzione in chiave black: nella nuova versione diretta da Rob Marshall, che sarà presentata al cinema il 24 maggio 2023, Ariel sarà interpreta da Halle Bailey, attrice e cantante di origini afroamericane.

LEGGI ANCHE: I castelli della Disney esistono davvero: dove si trovano questi scenari magici

Dopo aver presentato il trailer del film, le polemiche non si sono fatte attendere. I fan più fedeli alla tradizione ritengono che la nuova versione del classico targato Disney si discosti troppo dalla fiaba dei fratelli Andersen. "Se si vuole riprodurre un live action identico al film (e lo si capisce dal trailer che canta la stessa identica canzone del cartone) si devono rispettare i canoni fisici dei personaggi", scrivono alcuni utenti su Twitter.

LEGGI ANCHE: Pingu resta senza voce: addio al doppiatore Carlo Bonomi

Eppure, in mezzo alle critiche, ci sono anche le voci più entusiaste delle bimbe afroamericane, che hanno accolto con gioia il nuovo trailer. Lo testimoniano le reazioni condivise su Tik Tok e già diventate virali. “She’s black", cioè "Lei è nera", esclamano alcune bambine. E ancora: "She’s like me”, "Lei è come me", dice qualcun'altra. #representation e #blackmermaid sono gli hashtag correlati ai video, che hanno già raggiunto un numero record di visualizzazioni (e di like).

GUARDA ANCHE - "Aladdin", il nuovo trailer italiano con il Genio di Will Smith

Tanti i messaggi di solidarietà. C'è chi sui social scrive: "Che poi vaglielo a raccontare che Andersen era bisessuale e la storia della Sirenetta racconta del matrimonio dell’uomo che amava con una donna". Tra i commenti apparsi in rete, si legge: “Le polemiche sul fatto che la nuova Ariel de La Sirenetta sia nera è la triste conferma che la sconfitta del razzismo è un sogno irrealizzabile anche nelle favole!". C'è anche chi si discosta dalle polemiche e sottolinea: "I grandi problemi del Paese: Peppa Pig e la Sirenetta".

Tra i commenti spicca quello di Djarah Kan, scrittrice e attivista italo-ghanese molto seguita e apprezzata su Instagram. "La multinazionale della nostalgia più famosa al mondo, meglio conosciuta come la Disney, ha rilasciato il primo trailer ufficiale de "La Sirenetta". Tuttavia, i sommelier dell'accuratezza dei live action Disney e i Fasci in difesa della memoria dell'infanzia degli anni Novanta non riescono proprio a mandare giù l'idea che la loro tanto amata sirenetta bianca, nel 2022 sarà interpretata da un'attrice NERA”, ha dichiarato. Quindi ha aggiunto: "Non voglio nemmeno ritornare sulla polemica di quanti, nel tentativo di nascondere il loro sincero e genuino fastidio razzista, si arrampichino sugli specchi improvvisandosi esperti del folklore Danese, o mitologia greca, perché le sirene nel folklore africano, esistono. Quello che mi piacerebbe condividere con voi è il tema del ruolo degli attori neri, che puntualmente vengono spogliati della loro professionalità a tal punto da fare apparire i ruoli che interpretano come un favore facente parte di un'agenda politica".