Robbie Williams: “Senza tampone, mi sono auto-isolato in un Airbnb per non contagiare la mia famiglia"

(Photo: Karwai Tang via Getty Images)

“Ho iniziato a sentirmi male ma non sono riuscito ad ottenere un tampone. Così sono messo in autoisolamento in un Airbnb per proteggere la mia famiglia”. È la testimonianza del cantante Robbie Williams che tra marzo e aprile, avvertiti sintomi sospetti, ha scelto di allontanarsi da moglie e figli per ventuno giorni, andando contro le indicazioni del governo americano che impone a chi sospetta di aver contratto il coronavirus l’isolamento domiciliare.

L’artista 46enne, vive a Los Angeles con sua moglie Ayda Field e i loro 4 figli: Teodora, sette, Charlton, cinque, Colette, 18 mesi e il piccolo Beau che ha un mese. Come riporta il Sun, dopo essere tornato dall’Australia non sentendosi bene, Williams ha scelto di recarsi dall’aeroporto direttamente in una dimora affittata tramite Airbnb.

“Ho iniziato a sentirmi molto male dopo essere tornato a Los Angeles dall’Australia e ho deciso di isolarmi subito per proteggere la mia famiglia, nonostante viva in una villa e potessi rinchiudermi in una delle tante stanze, usando un mio bagno privato e mangiando quello che mia moglie mi avrebbe lasciato su un vassoio dietro la porta. Ma non ho voluto mettere a rischio i miei cari”, ha detto il cantante.

Williams spiega così la decisione: “L’ho fatto perché non credo a quello che dice il governo, che secondo me tace dati importanti per non creare il panico tra la gente. E perché non credo neanche agli scienziati che spesso si contraddicono l’un l’altro. Qui negli Usa la situazione peggiora di giorno in giorno così, nel dubbio, ho deciso di fare da solo e mettere al primo posto la mia famiglia”.

“Ho dovuto fare tutto da solo, rischiando anche di farmi arrestare per essermi allontanato da casa data la quarantena, ma l’ho dovuto fare perché non sono riuscito ad ottenere un tampone che mi confermasse o meno che avessi il Covid-19. E ora che sono a casa non so se ho davvero avuto e sconfitto il virus. Quindi finché non farò quel tampone ho ancora paura per la mia famiglia”, ha concluso la popstar.

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.