Roberto Burioni: "Decisione di riaprire è politica e non scientifica"

Giacomo Galanti
·Giornalista, HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
(Photo: Riccardo De LucaRiccardo De Luca / AGF)
(Photo: Riccardo De LucaRiccardo De Luca / AGF)

“La decisione di riaprire è una decisione politica e non scientifica. Questo l’ho scritto un anno fa ma è estremamente attuale”. Lo scrive su Twitter Roberto Burioni, virologo dell’università Vita-Salute san Raffaele di Milano, all’indomani dell’annuncio del Governo di riaprire alcune attività dal 26 aprile, privilegiando quelle all’aperto.

″È in questi momenti che la politica deve riappropriarsi di spazi che spesso ha colpevolmente trascurato o demandato ad altri - scriveva Burioni quasi un anno fa, parlando del dibattito sulle riaperture dopo il lungo lockdown -. Le conoscenze scientifiche sono fondamentali nel contribuire ad arrivare a decisioni quali la riapertura parziale delle attività, ma non possono essere l’unico aspetto da prendere in considerazione”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Leggi anche...

Il cronoprogramma della riaperture: le date e le regole della ripartenza in Italia

Andrea Crisanti sulle riaperture: "Rischio ragionato è un'espressione vuota e politica, non scientifica"

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.