Roberto Formigoni, il Senato dichiara lo stop alla pensione

roberto formigoni

Lo ha comunicato oggi, martedì 30 luglio 2019, Laura Bottici, questore del Senato ed esponente del Movimento 5 Stelle: stop alla pensione dell’ex governatore della Regione Lombardia Roberto Formigoni. A Palazzo Madama si è preso atto ed è stata confermata la condanna a 5 anni e 10 mesi per corruzione dell’ex politico a cui non verrà più concesso il vitalizio a partire dal mese di agosto del corrente anno 2019.

SFOGLIA LA GALLERY: Quali sono i parlamentari più assenteisti?

Roberto Formigoni, lo stop alla pensione

Dal Senato è quindi arrivato lo stop alla pensione per Roberto Formigoni, l’ex presidente della Regione Lombardia condannato per corruzione. Dalle cene alle gite in barca agli innumerevoli viaggi: l’ex politico si era sempre dichiarato innocente dopo le accuse che lo dichiaravano colpevole nell’ambito del processo Maugeri-San Raffaele. Era stato arrestato lo scorso febbraio e dopo 5 mesi di detenzione nel carcere di Bollate, Formigoni ha da poco ricevuto l’ok per scontare la pena ai domiciliari, stabilendosi a casa di un suo amico.

Roberto Formigoni non riceverà più la pensione a partire dal mese di agosto. La decisione del Senato è stata comunicata oggi dalla senatrice del Movimento 5 Stelle Laura Bottici. Il consiglio di presidenza di palazzo Madama ha in questo modo dato atto alla delibera risalente all’ anno 2015 e che prevede la sospensione dell’erogazione di pensioni e vitalizi per i parlamentari che vengono condannati in via definitiva. Stop dunque ai trattamenti pensionistici e ai vitalizi per l’ex presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni a cui non resta che scontare una pena di 5 anni e 10 mesi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Cos’è la Flat Tax?