Roberto Speranza fissa il primo target: "13 milioni di vaccinati a fine marzo"

·Vicedirettore HuffPost
·1 minuto per la lettura
ROME, ITALY - 2020/12/27: Italian Health Minister, Roberto Speranza speaks to reporters after five health workers at the Spallanzani Infectious Disease Hospital received an injection of their first dose of the Pfizer-BioNTech Covid-19 vaccine. (Photo by Cosimo Martemucci/SOPA Images/LightRocket via Getty Images) (Photo: SOPA Images via Getty Images)
ROME, ITALY - 2020/12/27: Italian Health Minister, Roberto Speranza speaks to reporters after five health workers at the Spallanzani Infectious Disease Hospital received an injection of their first dose of the Pfizer-BioNTech Covid-19 vaccine. (Photo by Cosimo Martemucci/SOPA Images/LightRocket via Getty Images) (Photo: SOPA Images via Getty Images)

“Oggi siamo a una svolta. Finalmente abbiamo l’arma per vincere la guerra”. Così in un colloquio con ‘La Stampa’ il ministro della Salute Roberto Speranza. Dobbiamo però, aggiunge, “evitare che un pezzo di Paese profondo possa illudersi che abbiamo già vinto. Sarebbe devastante”.

La polemica sulle dosi in Germania ”è una stupidaggine” spiega, perché la ripartizione è fissa e la decide l’Ue. “Nell’immediato, la distribuzione tra i singoli Stati può variare in base a fattori del tutto casuali: il giorno, la distanza dagli stabilimenti. Dunque non c’è chi è più bravo e ne compra di più e chi è più scarso e ne compra di meno”. Altra svolta se arriva anche il vaccino di AstraZeneca: “Noi già dal 1 aprile potremmo avere 13 milioni di vaccinati e così avremmo già raggiunto la Fase Uno, cioè quella che ci consente di avere il primo impatto epidemiologico”. Le Regioni, stavolta, “non hanno alibi: la gestione è centralizzata sul piano delle forniture e per il resto gli abbiamo dato 15 mila assunzioni in più”.

Vaccino obbligatorio? “Scoppierebbe subito uno scontro ideologico, il Paese si spaccherebbe in due curve di ultrà. Non risolveremmo il problema, lo aggraveremmo”.

Per la sanità solo 9 miliardi nel Recovery: “Sono stato il primo a insorgere. Mi hanno spiegato che in realtà sono già diventati 15. Mi batterò fino in fondo perché le risorse aumentino”. Sulla crisi di governo, Speranza dice che “se nella maggioranza ci sono problemi, affrontiamoli subito e risolviamoli in fretta. Poi tutti zitti e ventre a terra”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli