Roberto Speranza, il voto di sfiducia in Senato si terrà il 28 aprile. Ma la Lega già lo salva

Giacomo Galanti
·Giornalista, HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
(Photo: - via Getty Images)
(Photo: - via Getty Images)

C’è un’intesa politica sul via libera alla calendarizzazione per mercoledì 28 aprile della mozione di sfiducia presentata da Fdi in Senato contro il ministro Roberto Speranza. È quanto si apprende dopo una riunione convocata dal ministro ai Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà con i capigruppo di maggioranza in Senato.

D’Incà ha riunito la maggioranza alla luce delle tensioni registrate questa mattina nell’Aula di Palazzo Madama sul calendario, con al centro in particolare il braccio di ferro in corso sul ddl Zan. L’idea in maggioranza era comunque mettere in calendario il voto su Speranza al più presto. Ma dalla Lega arrivano segnali positivi: “Non metteremo in difficoltà il governo”, afferma il capogruppo della Carroccio al Senato, Massimiliano Romeo.

Intanto nell’ultima puntata di DiMartedì su La7, Nando Pagnoncelli ha mostrato i risultati di un sondaggio sull’operato di Speranza durante la pandemia. Secondo il 62% il ministro “ha avuto la linea che serve in questo momento”. Mentre per il 29% “ha una linea troppo rigida”. Il 9% “non sa”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.