"Rocco Schiavone" rischia di saltare su Rai 1 perché a Lega e Fdi non piacciono le sue canne

HuffPost

Sembrava tutto pronto. Dopo il successo registrato su Rai 2, la fictionRocco Schiavone doveva traslocare sulla rete ammiraglia del servizio pubblico. Ma il passaggio a Rai 1 pare aver subito qualche intoppo. Secondo quanto riportato dal Fatto Quotidiano, le critiche avanzate al prodotto dal centro-destra -  in particolare da Forza Italia e Fratelli d’Italia - avrebbero convinto la direttrice Teresa De Santis a fare marcia indietro. 

La fiction è stata aspramente criticata per alcuni temi trattati, ritenuti poco adatti ai giovani. Schiavone, interpretato da Marco Giallini, è un vicequestore sui generis. Trapiantato da Roma ad Aosta, il poliziotto non sempre rispetta la legge ed è un abituale fumatore di marijuana. 

“Non discuto la scelta della Rai, ma mi chiedo quale sia il modello che trasmettiamo ai giovani”, afferma Federico Mollicone, deputato di FdI

La decisione di promuovere la fiction da Rai2 a Rai1 si è basata sui numeri dello share: la serie è estremamente popolare, sia live che in streaming. La prima stagione, in onda nel 2016, è stata vista da una media di 3 milioni e 625 mila persone, per uno share del 14.4%. La seconda, invece, da 3 milioni e 172 mila, con lo share medio del 13.9%. 

Si racconta, che chi a Rai1 ha visionato i nuovi episodi, sia saltato sulla sedia. Per evitare problemi, la direttrice di Rai 1 Teresa De Santis si è riservata di visionare le puntate prima di dare il via libera definitivo, senza escludere eventuali interventi, per rendere più consono il prodotto al pubblico di Rai1. Verranno tagliate le scene dove Rocco si fa le canne? Non si sa. Al momento è tutto fermo. 

Leggi anche...

Continua a leggere su HuffPost