Roghi in California: diramato l’allarme rosso estremo

roghi california

Il sud della California continua ad essere distrutto dagli incendi tanto che per la prima volta è stato diramato un allarme rosso estremo. I roghi hanno già costretto centinaia di migliaia di persone a rimanere senza corrente a cause dei blackout, mentre tante altre sono state costrette ad abbandonare le proprie abitazioni. Edifici e case sono stati distrutti e la situazione continua a peggiorare.

Roghi in California

Le contee interessate sono Los Angeles, Ventura e San Bernardino. I venti stanno raggiungendo i 128 km/h e stanno quindi rafforzando i fronte dei roghi nella parte settentrionale del Paese, dove sono già impegnati 4500 vigili del fuoco. “I forti venti combinati all’umidità porteranno probabilmente condizioni meteorologiche molto critiche: per questo abbiamo diramato l’allarme rosso estremo” spiegano le autorità dello Stato americano. Si prevede che i venti raggiungano il picco massimo alle 3 di oggi pomeriggio per proseguire fino a giovedì. “Basta una scintilla per far divampare nuovi incendi” ha spiegato il capo dei vigili del fuoco. Il sindaco Eric Garcetti ha invitato tutti gli evacuati a non tornare nella zona fino a quanto le condizioni non saranno sicure.

Case ed edifici distrutti

La mia casa è ridotta in cenere, ho perso tutta la mia vita” ha detto un anziano alla stampa locale mentre osserva le rovine. “Tutto quello che ho sono i miei vestiti sulla schiena” ha proseguito. Al momento sono numerosi gli sfollati e altrettanti quelli che non potranno mai più tornare nella loro casa, distrutta dalle fiamme.