Rogo Primavalle, Antonella Mattei: 'Oggi è morto un assassino, c'ha pensato la giustizia divina'

·1 minuto per la lettura

"Oggi non è un giorno di gioia, oggi è morto un assassino. Una persona che ha ammazzato un ragazzo di 22 anni e un bambino di 10. Io, che allora di anni ne avevo 9, sono viva grazie al coraggio di mia madre, che se ne è andata sette anni fa senza mai avere giustizia per i suoi figli. Quegli assassini, aiutati e tutelati dallo Stato e dal partito comunista, piano piano se ne stanno andando con la giustizia divina, l'unica alla quale ormai ci rimane da appellarci". Antonella Mattei, sorella di Stefano e Virgilio, bruciati vivi 48 anni fa nel rogo di Primavalle, commenta così all'Adnkronos la morte di Achille Lollo, ex esponente di Potere Operaio tra gli organizzatori dell'attentato.

"Il mio rammarico è che è stato bene in Brasile, ha avuto una famiglia, quattro figli - continua la sorella delle due vittime di Primavalle - A noi ci ha massacrato, dopo quella tragedia non abbiamo mai più vissuto bene. Sono cristiana, non augurerei la morte a nessuno. Eppure vorrei che Achille Lollo avesse sofferto. Il mio pensiero oggi va a mamma e papà, questa notizia mi è arrivata tra capo e collo, porterò un mazzo di fiori a Stefano e Virgilio, a Primavalle, poi andrò al cimitero. Una vita distrutta la nostra. E quell'assassino che non si è mai pentito, perché mai avrei dovuto perdonarlo io?".

(di Silvia Mancinelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli