Rogo in un capannone a Torino: "Tenete chiuse le finestre"

·1 minuto per la lettura
Incendio a Torino
Incendio a Torino

Paura a Torino, dove all’alba di venerdì 7 ottobre 2021 è divampato un incendio nei pressi di un capannone industriale della ditta Transistor S.r.l. In tutta la città si è diffuso un forte odore di plastica bruciata che ha reso l’aria irrespirabile.

Incendio in un capannone a Torino: aria irrespirabile

Il rogo è divampato intorno alle 6:30 in via Paolo Veronese, nella zona tra corso Grosseto e via Reiss Romoli nel quartiere Borgo Vittoria. Per cause ancora da accertare alcuni materiali elettrici hanno preso fuoco, il che ha richiesto l’intervento di diverse squadre i Vigili del Fuoco per spegnere le fiamme. Sul posto sono giunti anche i tecnici dell’Arpa, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale che ha inviato una squadra specializzata nella matrice aria e una squadra per il monitoraggio dei microinquinanti.

Ha poi mandato altri due team di tecnici in diversi punti della città dove ci sono, presumibilmente, le massime zone di ricaduta dei fumi e gli odori più acri. Sui social sono in tanti ad aver parlato di aria irrespirabile nella zona Nord della città ma anche in aree più centrali fino a Santa Rita e Mirafiori Sud.

Incendio in un capannone a Torino: una donna intossicata

L’assessore all’Ambiente del Comune di Torino ha raccomandato di tenere le finestre chiuse e indossare la mascherina all’aperto fino al termine dell’emergenza. Stando a quanto si apprende, nell’incendio sarebbe anche rimasta intossicata una donna, già trasferita in codice verde in ospedale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli