Rohingya, Msf denuncia: Nessuna soluzione a 2 anni fuga da Myanmar -3-

Red/Fco

Roma, 26 ago. (askanews) - "Negli ultimi due anni sono stati fatti pochissimi sforzi concreti per affrontare le cause della discriminazione dei Rohingya e consentire il loro ritorno a casa in sicurezza", ha affermato Benoit de Gryse, responsabile delle operazioni Msf per Myanmar e Malesia. "I Rohingya possono avere qualche possibilità di un futuro migliore, solo se la comunità internazionale rafforza gli sforzi diplomatici con il Myanmar e sostiene un maggiore riconoscimento legale per questo gruppo, che al momento non ha praticamente alcun potere", ha aggiunto.(Segue)