Rom a Milano, bucato per strada e galline sui marciapiedi

Rom a Milano

Alcune famiglie di etnia Rom hanno esteso la loro comunità su porzioni di strada destinate al pubblico, nella periferia nord-est di Milano. Nella zona di Cascina Gobba ci sarebbero infatti diverse roulette, almeno cinque o sei, parcheggiate una di seguito all’altra per delimitare l’area.

Rom a Milano, l’attacco della Sardone

A dare l’allarme, per quella che viene considerata una situazione di estremo degrado, è stata Silvia Sardone, consigliere comunale di Milano ed esponente della Lega. La politica ha condiviso un video sul proprio profilo Facebook nel quale si mostrano appunto le condizioni in cui si ritrovano a vivere queste famiglie. “Ecco le immagini che ho ripreso nella periferia di Milano: carovane rom, rifiuti per strada, panni stesi, galline sui marciapiedi, illegalità, abusivismo, bambini che non vanno a scuola. Assurdo che la sinistra consenta questo spettacolo indecente!”, si legge nel post pubblicato il 24 ottobre. Centinaia anche i commenti di cittadini indignati per la situazione segnalata.

La cosiddetta questione dei Rom viene da sempre considerata molto divisiva dell’opinione pubblica italiana ed europea. I rom sono infatti la minoranza etnica più grande all’interno dell’Unione europea, con circa sei milioni di persone. I problemi sono legati principalmente all’integrazione di queste persone nei tessuti sociali delle diverse nazioni europee, soprattutto per quanto riguarda la loro situazione abitativa.

Qualche mese prima di questa denuncia, anche il sindaco di Milano, Beppe Sala, si è occupato della questione legata ai campi Rom e all’occupazione di spazi pubblici da parte di persone di etnia Rom e Sinti. In quell’occasione Sala aveva prospettato ai cittadini milanesi l’idea di applicare una sorta di Daspo urbano contro gli abusivi.