Roma, Ama: attivate misure prevenzione e protezione lavoratori

Sis

Roma, 18 mar. (askanews) - Ama evidenzia ancora una volta, in una nota, di essersi attivata tempestivamente, mettendo in essere tutte le misure possibili di protezione e tutela dei propri lavoratori, in linea e con aggiornamenti alla luce di quanto stabilito dai vari Dpcm che si sono susseguiti i per il Covid-19. Dal 31 gennaio a oggi, sono state emesse 16 tra Procedure, Istruzioni, Ordini e Comunicazioni di Servizio sul tema. Già a fine gennaio, infatti, in grande anticipo rispetto all'emergenza sanitaria, la municipalizzata capitolina per l'Ambiente, con apposita comunicazione, ricordava ai propri dipendenti le buone pratiche igieniche e comportamentali per la riduzione dell'esposizione e la trasmissione di malattie respiratorie. Oltre a comunicare il più ampiamente possibile ai propri dipendenti le prescrizioni dell'Istituto Superiore di Sanità, l'azienda ha adottato un pacchetto di misure straordinarie di protezione e tutela disponendo tra l'altro: la sanificazione di tutti i mezzi pesanti e leggeri utilizzati per la raccolta dei rifiuti; l'igienizzazione delle officine, dei magazzini, di stabilimenti, impianti, cimiteri e sedi di zona; lo scaglionamento e adeguamento dei turni in entrata e in uscita dalle sedi operative; la fornitura delle dotazioni agli stessi operatori per igienizzare le parti sensibili interne dei mezzi ad attacco e a fine turno. Razionalizzati anche i servizi base di presidio delle aree territoriali con l'impiego di un solo operatore per veicolo. Il management Ama, continua la nota, è impegnato H24 per monitorare in tempo reale e adeguare le misure di protezione all'evolversi della situazione nell'esclusivo interesse dei lavoratori e della collettività. E' attivo inoltre un Comitato per il coordinamento operativo delle attività aziendali predisposte per fronteggiare l'emergenza sanitaria. Tutte le azioni intraprese sono state illustrate preventivamente alle rappresentanze sindacali nei vari incontri delle ultime settimane, gli ultimi dei quali svolti in videoconferenza due giorni fa. E si è proceduto ad istituire il Comitato di cui al Protocollo Condiviso tra Governo e Parti Sociali del 14 marzo 2020.