Roma, antico romano in toga si tuffa nella fontana di Trevi: multato

toga fontana trevi

La fontana di Trevi, insieme al Colosseo e ai Musei Vaticani, è uno dei simboli della città di Roma più apprezzati dai turisti. Spesso, però, capitano situazioni che rovinano la bellezza di questi monumenti e punti di attrazione. Dopo il bagno di Valeria Marini in piazza di Spagna e quello di Aida Nizar in piazza Navona è il turno di un antico romano. Infatti, un uomo vestito con una toga tipica dell’antica Roma si è tuffato nella Fontana di Trevi e ha dato spettacolo. Insieme a lui ha fatto il bagno anche un vigile urbano: una volta rincorso e raggiunto il personaggio, l’agente lo ha multato. Vediamo cosa è successo.

In toga nella fontana di Trevi

Era un caldo pomeriggio di luglio quando un uomo vestito con una toga romana ha deciso di rinfrescarsi nelle acque della fontana di Trevi. L’episodio è accaduto lunedì scorso intorno alle ore 19. Di fronte a migliaia di turisti, infatti, il giovane avrebbe oltrepassato il muretto che delimita la fontana per recitare un breve show. Una volta entrato in acqua ha iniziato ad alzare le braccia salutando i presenti. Un vigile urbano del Campidoglio, però, accortosi della situazione si è precipitato sul luogo. Bagno per due dunque: anche l’agente è entrato in acqua per rincorrere il figurante romano. Una volta fermato, l’uomo si è guadagnato una multa di oltre 500 euro.

Il figurante romano

Il video dell’uomo vestito con toga romana all’interno della fontana di Trevi è diventato virale sul web. Il personaggio, secondo le ultime informazioni, sarebbe un 38enne casertano. Il suo show intendeva dimostrare sostegno ai commercianti campani vittime della Camorra. L’uomo, infatti, avrebbe chiesto un colloquio con il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Infine, sull’accaduto è intervenuto il sindaco di Roma, Virginia Raggi: “I nostri monumenti vanno rispettati e le storiche fontane di Roma non sono piscine”. Poi, riferendosi alla situazione ha parlato di “comportamenti inaccettabili verso i quali non c’è alcun tipo di tolleranza”.