Roma, arcivescovo Zuppi: vero problema è lotta contro solitudine

Red/Nav
·2 minuto per la lettura

Roma, 1 ago. (askanews) - "La prima indicazione è permettere agli anziani di restare a casa. La casa è il posto in cui la persona si orienta e trova se stesso. E' una riflessione che coinvolge chi deve pensarne l'accoglienza ma anche tutti noi. Il vero problema è la lotta contro la solitudine e da questa non se ne esce da soli". Lo ha detto l'arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi, nel corso della serata all'arena dell'America, in Trastevere. Secondo quanto riportato dal giornale web Interris. Insieme con il sacerdote sul palco c'era Francesco Bruni, sceneggiatore e regista cinematografico, autore di 'Tutto quello che vuoi', un film che parla di incontri. La serata si svolge sul filo dei ricordi, ma anche delle riflessioni. Don Matteo, prendendo spunto da uno dei tratti base del film di Bruni, sottolinea più volte l'essenzialità nel rapporto fra giovani e anziani. Poi Zuppi Trastevere non la dimentica: "Negli anni sono emerse tutte le contraddizioni di questo quartiere ma anche episodi di solidarietà. Una virtù che non dobbiamo smettere di esercitare con chi è meno fortunato di noi o - ha detto ricordando un episodio dei suoi inizi in Basilica - chi è stretto nelle reti di una dipendenza". "Fra le tante cose profonde che dice Papa Francesco, mi viene in mente una frase: 'Non c'è niente di peggio che sprecare la pandemia'. L'incontro fra generazioni è una delle parti essenziali nella riflessione su noi stessi che il coronavirus ci ha imposto. Non dimentichiamoci che proprio gli anziani sono state le principali vittime del virus. Il film ci mostra che, a volte, sono gli aiuti più impensabili a permettere agli anziani di continuare a vivere. Dobbiamo sempre ricordarci di loro". Un aiuto alle "vecchie generazioni" che deve venire dal cuore. Ma senza dimenticarci dei gesti concreti. "Dobbiamo fare molto, forse 'usciamo' ancora troppo poco. C'è bisogno di costruire qualcosa di stabile, di garantire la continuità di alcune iniziative. Servono luoghi di socialità e questo richiede un grande impegno da parte di tutti".