Roma, assemblea Ordine dei medici finita in protesta: sanitari no vax rifiutano obbligo vaccinale

·1 minuto per la lettura
Roma, assemblea Ordine dei medici
Roma, assemblea Ordine dei medici

L’ultima assemblea dell’Ordine dei medici a Roma è stata teatro di accese proteste. Circa cinquanta sanitari si sono, infatti, presentati lì con il preciso intento di contestare l’obbligo vaccinale e le sospensioni a cui incorre chi non rispetta queste nuove norme.

Leggi anche: Nuove restrizioni anti Covid, FdI presenta un’interrogazione alla Commissione Europea

Roma, assemblea dell’Ordine dei medici finita in protesta

L’assemblea si è tenuta all’hotel Villa Palace di Roma. L’Ordine dei medici aveva indetto tale riunione con l’obiettivo di discutere il bilancio. Tale programma è stato spostato a un’altra seduta dell’ente.

Come riporta l’agenzia stampa Ansa, nello scontro “sono volati insulti e qualche spintone“. I no vax hanno definito, inoltre, i loro colleghi “mafiosi” e hanno detto loro di “vergognarsi“. La bagarre è terminata grazie all’arrivo della polizia e dei carabinieri.

Roma, le parole di un medico no vax

Nell’Ordine dei medici ci sono professionisti che non pagano la tassa annuale, ma invece ci si sbriga a sospendere i medici che non sono vaccinati. Per il fatto di non essere vaccinata sono stata demansionata: ora il mio compito è contattare i pazienti per fissare gli appuntamenti sull’assistenza medica“.

Sono queste le parole con cui ha commentato la vicenda una dottoressa no vax. Il medico, 50 anni, è impiegata nell’azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini. Inoltre, ha partecipato attivamente a quest’ultima riunione.

Roma, l’intervento del ministro Speranza

A seguito dei fatti, il ministro della Salute Roberto Speranza ha avuto un colloquio telefonico con Antonio Magi, il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma. Durante la chiamata, speranza non ha mancato di sottolineare il suo “sostegno” e la sua “solidarietà“. Inoltre, ha ringraziato “per il lavoro quotidiano svolto a tutela del diritto alla salute“.

Leggi anche: Coronavirus, bilancio del 19 dicembre 2021: 24.259 casi e 97 morti

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli