Roma: Atac, con 'e-L.Ov. Leggere ovunque' Tpl diventa biblioteca virtuale

·4 minuto per la lettura

Presentata oggi alla stazione Termini di Roma la biblioteca digitale gratuita che attraversa tutta la città ed è a disposizione dei clienti del trasporto pubblico di Roma. Nell’ambito dell’iniziativa "e-L.OV. Leggere Ovunque" di Roma Capitale, Atac ha sviluppato il progetto “+Viaggi +Leggi” in collaborazione con Forum del Libro, Biblioteche di Roma, l'Associazione Liber Liber e Clear Channel Italia.

I passeggeri in attesa alle fermate o nelle stazioni della metropolitana potranno scaricare gratuitamente su smartphone o tablet centinaia di titoli da scegliere tra libri, audiolibri e brani musicali. Sulla rete di trasporto romana verranno pubblicati oltre 18.000 QRCode che corrispondono ad altrettanti punti di accesso alla biblioteca, alla quale i viaggiatori potranno accedere per scaricare i titoli gratuitamente e senza limiti di quantità. I titoli saranno disponibili per i prossimi sei mesi e poi verranno sostituiti da nuovi.

"Con questa iniziativa diamo una connotazione originale alla nostra rete, che diventa come una biblioteca virtuale. Offrire ai clienti un servizio culturale gratuito è un modo per ricordare a tutti la funzione pubblica del trasporto, che non vuol dire soltanto muovere milioni di persone, ma significa anche offrire servizi di qualità, che migliorano l'esperienza del trasporto. La lettura è un'ottima compagna di viaggio ma ancor più è una fonte di ispirazione, specie per le nuove generazioni. E ci piace pensare che questo nostro “invito alla lettura” possa rappresentare un contributo alla costruzione e diffusione della cultura tra i giovani e non solo" ha commentato l’Amministratore Unico di Atac, Giovanni Mottura.

Presente al lancio del progetto anche la Sindaca di Roma Virginia Raggi, che ha dichiarato: “Sono molto orgogliosa di questa iniziativa. Nel quartiere di Tor Bella Monaca, nel Municipio VI, a febbraio scorso avevamo inaugurato la prima biblioteca e-L.OV. e oggi il progetto si amplia arrivando sulla rete di trasporto pubblico romano, alle fermate degli autobus, sulla metropolitana. Si potranno scaricare gratuitamente centinaia di e-book. L'obiettivo è quello di allargare la platea di lettori e rendere la cultura sempre più accessibile e a disposizione di tutti”.

I passeggeri potranno consultare i titoli delle biblioteche on air, sui pannelli delle pensiline alle fermate degli autobus, a bordo di alcuni treni della linea A e B della metropolitana, nelle apposite bacheche dislocate in diverse stazioni della metro C, e sui pannelli dei box dei capolinea dei bus di Termini. Inoltre, nella zona di accesso alla metropolitana della stazione Termini, i viaggiatori troveranno una biblioteca digitale con più di trecento titoli, tra cui due sezioni speciali dedicate rispettivamente a Dante e a Trilussa e i poeti romaneschi.

“Questo è un passaggio di grande civiltà – ha commentato l’attore e comico Max Giusti testimonial dell’iniziativa – Negli autobus della nostra città sono cambiati i passeggeri, viaggiano insieme stranieri e romani da sette generazioni e chi prende i mezzi pubblici ha molti interessi. Permettere di fare un tragitto utilizzando questo servizio significa ripartire dalla dignità dei viaggiatori. Sono romano e vedere che un’azienda come Atac ha la volontà di offrire maggiori servizi ai cittadini e ai lavoratori è un importante segnale di ripresa. In bocca al lupo ad Atac”.

La scelta dei titoli è ampia e le sezioni proposte sono per tutti i gusti e per tutte le fasce d'età: letteratura italiana, classici da tutto il mondo, classici per ragazzi, la sezione dedicata alla scrittura delle donne, poesia, teatro, audiolibri, musica sinfonica e da camera, saggi d'arte e di viaggi.

“ ‘e-L.OV. Leggere Ovunque’ è un’iniziativa di grande rilievo per avvicinare tutti alla lettura con il modo più semplice e originale", così, Diego Guida, vicepresidente nazionale dell'AIE - Associazione Italiana editori e presidente del Gruppo Piccoli editori. "Il libro ha dimostrato una resilienza formidabile anche in tempo di pandemia, e il progetto "+ Viaggi + Leggi" dimostra che la collaborazione tra i diversi operatori della comunicazione può avvicinare ancor di più alla lettura. Il libro resta il più importante vettore di trasmissione delle idee, della cultura, della conoscenza, e la lettura on line è certamente un primo passo per raggiungere i lettori che ci aspettiamo poi di vedere anche nelle librerie”.

Atac ha inoltre dedicato ai viaggiatori due sezioni speciali: i “Libri da viaggio”, pensati per chi si muove con i mezzi pubblici in città, con tempi di lettura che corrispondono alla durata media di un viaggio su metro e autobus, e i "Libri in lingua" per comunità straniere che sempre più numerose utilizzano i mezzi di trasporto. I testi proposti sono in inglese, francese, spagnolo, bengali e rumeno. Le lingue sono state scelte dopo aver analizzato la distribuzione dei numerosi abbonati stranieri.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli