Roma, azzerati vertici spaccio a Tor Bella Monaca: 51 arresti

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Azzerati i vertici della più grande piazza di spaccio nella borgata romana di Tor Bella Monaca. Questo il risultato dell’operazione dei Carabinieri del Comando provinciale di Roma scattata all’alba e che sta portando all’arresto di 51 persone.

In varie regioni d’Italia, i Carabinieri stanno dando esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzion edistrettuale Antimafia nei confronti di appartenenti a un’organizzazione criminale dedita al narcotraffico, radicata nella Capitale e con base operativa e logistica nel quartiere di Tor Bella Monaca. Più di trecento i militari, coadiuvati dalle unità cinofile e supportati da elicotteri del Nucleo Carabinieri di Pratica di Mare, che stanno partecipando al blitz.

Le indagini svolte dal Nucleo Investigativo di Frascati hanno permesso di ricostruire i ruoli dei vari membri all'interno dell'organizzazione che faceva capo a tre fratelli che gestivano l’attività delinquenziale della piazza di spaccio che si trova su via dell’Archeologia 106. Circa 600.000 euro mensili il giro d’affari.

Come in una perfetta organizzazione aziendale i pusher che si rivelavano capaci ed affidabili venivano promossi a ruoli di supervisione, andando a formare un efficiente organigramma di tipo manageriale dove i compiti erano suddivisi rigidamente, e dove chi sbagliava subiva punizioni gravissime: si è arrivati a registrare veri e propri sequestri di persona ai danni di associati "infedeli" ed addirittura di loro familiari, rapiti per essere brutalmente picchiati. Con riferimento a quest'ultima contestazione è stata riconosciuta l’aggravante di avere agito con il metodo "mafioso".