Roma, Berlusconi: "Ho un nome come sindaco ma non lo dico"

webinfo@adnkronos.com

"Il Comune di Roma è il punto debole dell’Italia. Chiunque ami Roma e l’Italia non può non vedere l’urgenza di una svolta: quando sarà il momento, sceglieremo insieme, senza pregiudizi di partito, la persona più adatta a vincere, ma soprattutto la più adeguata al difficile compito di governare Roma come merita, portandola fuori dalla tremenda crisi in cui è sprofondata. Ho un nome, ma non lo dico". Lo ha detto Silvio Berlusconi al Tg2.  

Quanto al centrodestra, "con Matteo Salvini e Giorgia Meloni c’è unità vera, non un accordo di potere. L’unità del popolo del centro-destra, che noi chiediamo da sempre, è scritta nel cuore degli italiani: ce lo ha ripetuto con forza pochi giorni fa il meraviglioso popolo di piazza San Giovanni".