##Roma, blitz Raggi alla Pisana: no discarica Zingaretti ascolti -2-

Bet/Sis

Roma, 27 nov. (askanews) - Un fiume in piena, la prima cittadina: "Una pianificazione integrata serve a tutti - ha detto al suo arrivo -. Vogliamo evitare la guerra tra Comuni. Siamo qui in maniera pacifica ma determinata - ha sottolineato, circondata dai presidenti dei Municipio a cinque stelle - per chiedere 'Zingaretti, Regione, votate velocemente questo Piano Rifiuti sediamoci al tavolo e realizziamolo insieme con franchezza e responsabilità'". "Siamo la Capitale d'Italia, meritiamo rispetto - ha aggiunto -. La Regione lo sa da anni che chiude Colleferro, che cosa ha fatto per indicare siti alternativi?" ha attaccato. Di qui l'accusa: "La Regione ha deciso di chiudere la discarica di Colleferro benché sia autorizzata fino al 2022 e sia ancora capiente. In tutto questo tempo che cosa ha fatto la Regione per individuare un sito alternativo a quella discarica? Ricordo che il potere pianificatorio di individuazione dei siti è della Regione. Roma, 27 nov. (askanews) - Non ho detto che Roma non farà la sua parte: ho detto che la deve fare all'interno del Piano rifiuti" ha detto Raggi. La prima cittadina ha evocato lo spettro di Malagrotta: "Malagrotta - ha ricordato - è stata chiusa perché il decreto Ronchi del 1997 stabiliva che doveva chiudere, ci sono stati 13 anni per pianificare un'alternativa e non è stato fatto. Da allora stiamo girando come dei pazzi per trovare una collocazione alternativa ai rifiuti". Ma la Raggi oggi alla Pisana ha rinfacciato alla Regione Lazio anche delle responsabilità. "Ricordo che la Commissione Europea ha detto che la Regione è inadempiente perché il Piano del 2012 era basato su Malagrotta, doveva aggiornarlo immediatamente, non lo ha fatto, il Piano è inattuato, lo dice la Commissione Ue non Virginia Raggi. I Piani - ha precisato Raggi - possono durare fino a sei anni, non c'è obbligo di durata. Ma se crolla il pilastro centrale bisogna aggiornarlo immediatamente".(Segue)