Roma, Calabrese: nuovi semafori, telecamere e pannelli in città

Sis

Roma, 17 mar. (askanews) - "Anche in questi giorni proseguono i lavori per migliorare la sicurezza delle nostre strade: dalla ristrutturazione dei semafori all'installazione di nuove telecamere per il controllo del traffico e delle corsie preferenziali". Ne dà annuncio l'assessore alla Mobilità di Roma Capitale Pietro Calabrese du Fb.

"Su Corso Francia è appena partito il cantiere per ristrutturare l'impianto semaforico all'altezza di via Bartolomeo Gosio: ne seguiranno altri due su questa importante arteria del quadrante nord di Roma. In via Casal del Marmo, nel quadrante nord-ovest, sarà realizzato un nuovo attraversamento pedonale luminoso (APL), con illuminazione dall'alto. In via Isacco Newton nel quadrante sud, via del Foro Italico, nell'area nord di Roma, Largo Perassi, nella zona ovest e in altri punti della città sono state installate nuove telecamere per il controllo del traffico e delle corsie preferenziali. E ancora su via Prenestina e viale Palmiro Togliatti, nel quadrante est, gli impianti semaforici verranno dotati di sensori per dare priorità al trasporto pubblico", spiega Calabrese.

"In altre zone della città sono stati installati 7 nuovi pannelli a messaggio variabile, come all'incrocio tra via Cristoforo Colombo e via Cilicia o tra via Cassia e via Mariano. Infine abbiamo completato la sostituzione di tutti i varchi elettronici per il controllo automatico dell'accesso alle ZTL "Centro Storico"; ZTL "Trastevere" e ZTL "San Lorenzo". Vi ricordo poi che tra pochi mesi avremo altri quattro attraversamenti con strisce pedonali a led nella Capitale, dopo quelli sperimentati con successo in via dell'Amba Aradam, all'incrocio con Porta Metronia, e in via Tuscolana, di fronte alla stazione della metro Anagnina", aggiunge. "Fin dal nostro insediamento, con il prezioso contributo della Consulta Cittadina Sicurezza Stradale, stiamo lavorando senza sosta per la tutela di pedoni e ciclisti, gli utenti più deboli della strada. Anche in questo momento in cui tutti siamo chiamati a piccoli e grandi sacrifici per il bene della collettività, c'è chi ogni giorno si reca sui cantieri per svolgere il proprio lavoro in sicurezza con dedizione e senso del dovere", conclude Calabrese.