Roma, Calabrese: volontà Giunta Raggi è che Atac resti pubblica

Sis

Roma, 3 dic. (askanews) - "La nostra volontà politica è sempre stata quella di rilanciare Atac e mantenerla saldamente in mano pubblica. Per questo abbiamo rinnovato all'azienda l'affidamento del servizio di trasporto pubblico di Roma, scegliendo la strada del concordato per salvare la società e il lavoro dei suoi oltre 11 mila dipendenti". Lo sottolinea l'assessore capitolino ai Trasporti Pietro Calabrese. "Siamo sempre stati contrari alla privatizzazione di Atac. Continuiamo a esserlo anche dopo la decisione del Tar Lazio che ha accolto il ricorso del Comitato promotore del referendum che proponeva questa di affidare ai privati il trasporto pubblico della Capitale", continua Calabrese. "Dunque, avrebbe vinto il 'Sì' - ammette l'assessore - . I risultati delle consultazioni popolari vanno sempre rispettati. Tuttavia, va ricordato che il referendum è solo consultivo e quindi non incide sulle scelte già compiute. Va ricordato che l'affluenza è stata solo del 16,4%. E va ricordato che i comitati per il 'No' hanno sostenuto l'astensione che poi è risultata maggioritaria. È stata dunque una minoranza di cittadini ad aver espresso una posizione contraria alla nostra idea di trasporto pubblico. Idea che politicamente rivendichiamo e confermiamo: vogliamo che Atac resti pubblica e offra un servizio sempre migliore ai cittadini", conclude.