Roma: Calenda, 'basta parlare di primarie, sediamoci e troviamo un accordo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 mar. (Adnkronos) – "E' un anno che mi dicono: ma se arriva fa qualcuno lei fa un passo indietro? Ma non arriva mai nessuno, che passo indietro devo fare? Io quello che ho detto a Letta è: per carità sentiamoci, parliamoci, io sono iper inclusivo, però continuare a parlare di cose teoriche non sta nè in cielo nè in terra. Se c'è un candidato più in gamba, più convincente, non ne faccio una questione personale, ma oggettivamente continuare a discuterne senza mai nessuno in campo fa un po' ridere". Così Carlo Calenda, leader di Azione, ai microfoni di Radio 24 a proposito di una eventuale candidatura unitaria del centrosinistra a sindaco di Roma.

"Le primarie -aggiunge vengono usate quando non ci sono candidati, questa cosa è usata in modo strumentale. Qui non c'è tempo da perdere, il lavoro da fare è immane, io dico: sediamoci, troviamo un accordo sulla squadra, sul programma, però non continuiamo a fare 'sta storia delle prima che va avanti da sei mesi. Se rimandi le elezioni ad ottobre come fai a fare le primarie con la gente, i gazebo, poi se si infetta espatriamo in Brasile per la vergogna?"