Roma: Calenda presenta piano rifiuti, 'non siamo condannati a Capitale più sporca in Ue' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Abbiamo un piano in due fasi: renderci autonomi da subito, mettendo in sicurezza la città con soluzioni temporanee: tritovagliatori e impianti di prossimità piu' efficienti dei nostri, cosi' chiudiamo il Tmb di Rocca Cencia e lo trasformiamo in una moderna struttura per la valorizzazione del secco, senza rifiuto organico e senza quegli odori che rovinano la vita del VI Municipio. In questo modo Roma e' al riparo dalle emergenze e nel frattempo costruiamo gli impianti che garantiranno un futuro sostenibile per la nostra città".

"Tre impianti capaci di produrre biometano dal trattamento delle frazioni organiche. Tre piattaforme per valorizzare plastiche e vetro. Un impianto dedicato al riciclo della carta e del cartone e una grande officina del riciclo per i rifiuti ingombranti. Una bioraffineria d'avanguardia, capace di produrre idrogeno e biocombustibili dai rifiuti urbani, senza dover piu' ricorrere a discariche e senza emettere CO2 nell'aria, innescando un vero processo di economia circolare. Infine costruire o riqualificare due Tmb. E' un piano di sviluppo all'avanguardia, degno di una Capitale europea. Costa circa 800 milioni di euro, cioe' quanto abbiamo speso in 5 anni con l'attuale follia di mandare tir in giro per tutta Italia".

"Questo piano renderà Roma finalmente autonoma sui rifiuti. L'importante e' smettere di chiacchierare e iniziare a fare, pensate che negli ultimi cinque anni non si e' costruito neanche mezzo impianto. Vogliamo poi completare la procedura di copertura e ripristino ambientale dell'area di Malagrotta, dove sorge la piu' grande discarica d'Europa. Altra cosa annunciata e mai fatta".