Roma: Calenda, 'primarie difficili e inopportune, ma ne parlerò con Letta' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – (Adnkronos) – "Resta il fatto che da ottobre Raggi è cresciuta nei sondaggi perché nessuno sta parlando di Roma. Tutti parliamo di cose di cui ai romani non frega nulla. E andare avanti così fino a luglio è assurdo. Aggiungici polemiche tra candidati e la frittata è fatta", prosegue il leader di Azione.

Per Calenda, inoltre, "la capacità predittiva su condizioni per assembramenti di qualche migliaia? Decina di migliaia? Di persone è discutibile". L'ex ministro propone: "L’alternativa è che il Pd apra una discussione con noi su squadra e programma. Smettendola di perdere tempo inseguendo i 5S e vagheggiando candidature di personalità che si sono dette indisponibili. Ora. Senza perdere più tempo. Ma spetta a loro decidere".

Infine, Calenda annuncia una nuova iniziativa: "A Roma non funziona più nulla, è arrivato il momento di proporre ai romani soluzioni concrete. Iniziamo lunedì con i rifiuti. Il tempo per tatticismi e alchimie è davvero finito. Per ora siamo in campo solo io e la Raggi, il resto è chiacchiera politica".