Roma, caos sepolture: presentato esposto in Procura

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

C’è un esposto alla Procura di Roma legato all’emergenza delle sepolture nella Capitale. A presentarlo è stata l’Efi, l’Associazione Eccellenza Funeraria Italiana, che nel suo esposto ipotizza i reati di omissione di atti di ufficio e sottrazione di cadavere. A breve i magistrati romani dovranno valutare gli eventuali profili penali nella vicenda.

Il caso sollevato dal deputato Pd Andrea Romano, che ancora non riesce a seppellire il figlio scomparso ormai da due mesi, è stato al centro di un post della sindaca di Roma, Virginia Raggi. "Ho il cuore colmo di dolore. Dolore per la sofferenza di un padre che ha perso da poco un figlio e che ha espresso la rabbia di non poterlo neanche piangere al cimitero. Un dolore per la perdita di un proprio caro che accomuna tante famiglie, soprattutto in questo periodo. Ieri ho chiamato Andrea Romano per esprimergli la mia vicinanza; per dirgli che, da madre, posso soltanto lontanamente immaginare cosa stia provando. Mi sono scusata pubblicamente con una nota perché ho ritenuto giusto farlo" ha scritto Raggi su Facebook.

Ma le polemiche non mancano. "Solo dopo la denuncia dolente dell’amico Andrea Romano, la sindaca Raggi scopre la situazione dei cimiteri romani, e chiede un'azione straordinaria all’Ama. Dopo due mesi e con circa 2000 bare accatastate" ha twittato il senatore Pd Andrea Marcucci.