Roma, Casa internazionale donne: irricevibili proposte Raggi

Red/Gca
·1 minuto per la lettura

Roma, 27 lug. (askanews) - "Richiedere la rateizzazione è indecente e inaccettabile! Oggi, dopo mesi di attesa di una risposta positiva alla nostra proposta, soprattutto dopo la devastazione che l'emergenza Covid ha prodotto nel tessuto sociale e ha terribilmente colpito la vita delle donne, è assolutamente inaccettabile abdicare a una scelta politica in favore di una fasulla legalità, in nome di una vocazione esattoriale". Lo scrive in una nota la Casa internazionale della Donne dicendo di considerare "responsabile di tutto questo la Giunta e in particolare la Sindaca Raggi". "Altro che 'Le donne unite fanno la differenza!' Oggi la sindaca è contro le donne, è responsabile di questa provocazione e di questo attacco esplicito alla vita e all'autonomia della Casa delle donne, in una prospettiva di ingannevole sussidiarietà e di bandi. La Casa ha una storia, è un luogo simbolico del femminismo ed è dentro alla migliore storia democratica della città. Alla città e a tutte le donne ci rivolgeremo per difenderla".