Roma, Celli(RtR): Tar su Lazio Nuoto boccia operato Giunta Raggi

Sis

Roma, 23 giu. (askanews) - "E' passato qualche giorno dalla decisione del Tar sul bando della piscina della Garbatella ed ora sono pubbliche le motivazioni. Questo ci consente un'analisi pi approfondita: i giudici sono entrati nel dettaglio degli atti dell'Amministrazione individuando gravi carenze istruttorie. Siamo di fronte a una sonora bocciatura dell'operato di Roma Capitale. Eppure, mentre prima, la maggioranza pentastellata, esaltava, anche in sedi istituzionali, l'operato dell'Amministrazione in questo specifico caso, adesso, con la sentenza Tar completamente rivoltata, continua, con un incredibile doppio salto mortale carpiato e senza pudore, a inneggiare ugualmente alla vittoria del Comune, per aver 'trovato' un gestore con bando pubblico e meno male che, in questa piscina, l'acqua alta". Cos su Facebook la capogruppo in Campidoglio della Lista Civica Roma Torna Roma, Svetlana Celli. Al di l dell'esito positivo della lotta della Lazio Nuoto, "cui vanno, e non da adesso, tutte le mie congratulazioni, il Tar accende i riflettori su gravi mancanze dell'Amministrazione - continua Celli - confermate tra l'altro dai successivi bandi per impianti sportivi andati tutti inspiegabilmente deserti, a Roma dove la domanda supera di gran lunga l'offerta. Ci vorrebbe l'onest intellettuale di una sana autocritica, iniziando a riconoscere i concessionari quali partner nella gestione di un servizio sociale, e non soggetti con cui procedere in continua conflittualit: il Campidoglio non una semplice Agenzia immobiliare". In un momento delicato qual la sfida Anti-Covid19, aggiunge Celli " arrivato il tempo di modificare il proprio approccio al settore Sport: per questo ho depositato una interrogazione ed una mozione per invitare la maggioranza a questo salto di qualit. Sviluppare l'idea di Sport quale strumento per migliorare salute e socialit dei cittadini, in un reciproco e corretto rapporto tra la Politica, gli Uffici competenti e i gestori degli Impianti sportivi comunali. Con il dialogo la citt vince, sempre!", conclude.