Roma, certificati stato famiglia e residenza in edicola

webinfo@adnkronos.com

Certificati anagrafici e di Stato civile anche in edicola. Il servizio lanciato da Roma Capitale è già attivo da inizio settimana in 73 edicole di Roma. "Si tratta di una novità che produce profondi benefici per la cittadinanza. Tutti i certificati che possiamo ottenere al momento on line, ora li possiamo richiedere in edicola" ha detto la sindaca Virginia Raggi, in una conferenza stampa a in Campidoglio, insieme all’assessore capitolino alle Risorse, Antonio De Santis. "Abbiamo cercato di mettere insieme due esigenze: da un lato avviciniamo l’amministrazione ai cittadini, dall’altro ci facciamo aiutare dagli edicolanti che, grazie a questa iniziativa, possono un po’ respirare visto il periodo di crisi del loro settore e avere una piccola nuova fetta di mercato". 

E ancora: "Abbiamo unito le forze per ottenere un risultato positivo sia per i cittadini sia per i lavoratori. Aiutare chi lavora e semplificare la vita ai cittadini è un nostro obiettivo, abbiamo anche aperto punti anagrafe in alcuni mercati". 

L’iniziativa, a costo zero per Roma Capitale, è stata definita grazie a un’apposita Convenzione tra l’Amministrazione capitolina e le principali rappresentanze del settore (Cgil, Uil, Snag, Fenagi Confesercenti). Le edicole che hanno aderito finora sono 100, dislocate in tutti i Municipi: 73 hanno ricevuto l’idoneità al servizio, per le altre 27 sono in corso le procedure per definire l’iter autorizzativo.  

COME FARE - E’ sufficiente presentare un documento di riconoscimento e il codice fiscale presso una delle edicole aderenti, compilare il modulo di richiesta e ottenere la stampa del proprio certificato (Stato di famiglia, Residenza, Matrimonio, Nascita e via così) al costo di 1,50 euro da corrispondere all’edicolante per l’erogazione del servizio, oltre al pagamento dell’imposta di bollo quando necessario. 

L’assessore De Santis ha sottolineato come sia stato "un percorso complesso, ma alla fine siamo arrivati a dama. Sui servizi anagrafici stiamo portando avanti un lavoro di sistema, partendo da una situazione non idilliaca; ma grazie a un serie di interventi abbiamo migliorato molto. Grazie ai tanti interventi online, con questa iniziativa, come con quella lanciata nei mercati, diamo un nuovo slancio per andare verso un sistema diverso, più snello". 

"E' stato un onore intraprendere questo percorso, che speriamo sia lungo e intenso anche con altre iniziative per la quali possiamo essere utili" ha detto Daniela Pace, rappresentante Uiltucs degli edicolanti. "Noi edicolanti rappresentiamo una rete capillare sulla città con 700 punti vendita che è a disposizione per qualsiasi tipo di servizi. Siamo aperti tutto il giorno, sette giorni su sette. E' un'operazione che sta riscuotendo grande successo, soprattutto in zona Lepanto, vicino al Tribunale, dove c'è la fila. Ed è un modo ottimo per riportare anche le persone in edicola, far tornare questa abitudine che si è un po' persa".