Roma, Cittadinanzattiva a Raggi e Ama: chiarite rimborsi Tari

Sis

Roma, 18 feb. (askanews) - "Cittadinanzattiva Lazio ha inviato oggi una lettera aperta al Sindaco di Roma, all'AD di AMA, e per conoscenza all'Assessore della Regione Lazio Valeriani, al Presidente della Regione Lazio, ai Direttori Generali delle ASL di Roma (Tanese, ASL RM1; Degrassi: ASL Roma2; De Salazar, ASL Roma3), per avere chiarimenti definitivi circa l'incredibile vicenda legata all'annuncio della riduzione della tariffa TARI per inefficienze nel servizio." A renderlo noto Elio Rosati, segretario regionale di Cittadinanzattiva Lazio. "Tutto nasce dopo un'intervista, mai smentita, su il Messaggero del 19 gennaio scorso con le dichiarazioni dell'AD di AMA circa la possibilità per i cittadini romani di chiedere una diminuzione nel pagamento della TARI dietro dichiarazione da parte delle ASL romane (ASL RM1, ASL RM2, ASL RM3) attestante problemi di natura sanitaria". Spiega Rosati, che nella lettera aperta descrive e denuncia le paradossali conseguenze che ha prodotto quella dichiarazione. "Nell'intervista l'AD di AMA spiegava che l'azienda aveva rinnovato il suo sito, dedicando una sezione per gli utenti che volevano beneficiare di un rimborso, uno sconto in bolletta dell'80% della TARI in presenza di gravi disservizi. Ma per beneficiarne dovevano allegare alla richiesta il documento dell'autorità sanitaria attestante il danno o il pericolo di danno alle persone". E da qui - scrive Rosati - iniziava un iter assurdo: "i centri di raccolta di Cittadinanzattiva nazionale e regionale allora hanno inviato alle ASL competenti le numerosissime segnalazioni ricevute dai cittadini per sentirsi rispondere, a volte con disappunto, che le ASL, subissate anche loro direttamente da numerosissime richieste, non avevano ricevuto alcuna indicazione sulle procedure da attivare da parte di AMA o del Comune, e che non avevano nessuna competenza su tale fattispecie". "Nella lettera aperta - dichiara Rosati - Cittadinanzattiva, da sempre in difesa dei diritti dei cittadini, chiede che sia fatta chiarezza sulla vicenda e che siano ufficialmente indicate procedure, riduzioni e condizioni della riduzione della tariffa TARI". E ne conclude: "E' inammissibile che accadano cose del genere, specialmente al riguardo della gestione della raccolta dei rifiuti, che ormai ha raggiunto una situazione critica, prostrando ed esasperando i cittadini romani".