Roma, Cna: dopo sentenza su consumo su posto Comune cambi regole

Sis

Roma, 9 gen. (askanews) - "La decisione assunta ieri dal Consiglio di Stato di liberalizzare l'utilizzo dei tavolini e degli arredi nei laboratori artigianali che praticano consumo alimentare sul posto, segna un risultato importante, ma non ancora decisivo per la risoluzione di alcuni annosi problemi posti dal Nuovo Regolamento del Commercio del Comune di Roma, che la CNA ha più volte sollevato all'attenzione dell'Amministrazione capitolina. Infatti, il Regolamento è stato oggetto di un ricorso portato avanti dalla nostra Associazione prima al TAR e successivamente allo stesso Consiglio di Stato perché sono presenti al suo interno alcuni elementi a nostro giudizio lesivi, del libero svolgimento delle attività economiche". Così una nota della Cna Roma.

"La presunta pressione antropica denunciata dal Comune riguardo al Sito Unesco che sarebbe stata addotta come causa principale della necessità di regolamentare 'il consumo sul posto' in quel territorio, è in realtà confutata dai dati in nostro possesso, che hanno visto negli ultimi anni i laboratori artigianali diminuire sensibilmente. Negli ultimi dieci anni, infatti, secondo le stime del SUAP, queste attività sono passate da 5.022 unità a 1.701 con una riduzione di quasi il 40%", continua la nota.

"Se a questo si sommano la limitazione del 25% della superficie da destinare al consumo sul posto fino ad un massimo di 50 metri quadri e il blocco di 3 anni della concessione della concessione di nuove aperture, lo scenario che si prefigura è quello di una morte silenziosa dell'artigianato che presidia i territori e offre prodotti alimentari di qualità", sottolinea la Cna Roma. "La tradizione e l'eccellenza enogastronomica, la sua diversificazione, sono risorse e elementi di attrazione che un'Amministrazione locale attenta dovrebbe valorizzare e sostenere per evitare il rischio di un Centro Storico, frequentato da milioni di turisti e cittadini, con una scarsa offerta di artigianalità e professionalità. Il consumo sul posto è un servizio molto importante offerto all'utenza, in grado di avere significative ricadute in termini di fatturato e occupazione che non va penalizzato in un momento storico di forte difficoltà produttiva", dichiara Stefano Di Niola, Segretario della CNA di Roma.