Roma, Codacons scrive a Letta: "Pd non appoggi Calenda"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Il Codacons scende in campo contro il leader di Azione, Carlo Calenda, e rende noto di aver scritto al segretario del Pd Enrico Letta, "esprimendo la propria contrarietà ad un eventuale appoggio del partito alla candidatura di Calenda a sindaco di Roma".

"Abbiamo ritenuto doveroso informare il leader del Pd della netta opposizione dei consumatori alla candidatura di Calenda, e delle iniziative che la nostra associazione adotterà nel caso in cui il partito dovesse appoggiare il leader di Azione – spiega il Codacons – Eventualità che ci porterebbe ad avviare un boicottaggio del Pd a Roma, con iniziative in tutti i quartieri per convincere i cittadini romani a non votare il partito alle comunali. Riteniamo infatti che Calenda sia la persona meno adatta a guidare la capitale, considerati i suoi precedenti negativi come amministratore e come politico. Ricordiamo poi che lo stesso Calenda, come Ministro dello sviluppo, ha privato i consumatori e le associazioni che li rappresentano dei fondi derivanti dalle multe Antitrust, ed è oggetto di denuncia penale in Procura oltre che di una azione risarcitoria dinanzi al Tribunale di Roma", conclude il Codacons.

La presa del posizione viene accolta con ironia da Calenda. "Questi tipi del Codacons devono avere una vita piuttosto monotona", scrive su Twitter il leader di Azione.