Roma: confronto tra candidati Under25 per la mobilità sostenibile

·2 minuto per la lettura
featured 1514567
featured 1514567

Roma, 17 set. (askanews) – L’Unione europea si appresta a celebrare la Settimana per la mobilità 2021, che si terrà dal 16 al 22 settembre in tutti i Paesi membri, e a Roma i candidati alle prossime elezioni amministrative si confrontano su vantaggi e problemi della micromobilità che ormai ha conquistato i capitolini, fra biciclette e monopattini elettrici. Ne hanno parlato due giovanissimi, Simone Leoni, 20 anni, candidato con la lista di Forza Italia per Michetti sindaco, e Federico Lobuono, 21 anni, il più giovane candidato sindaco di Roma ora in corsa per il Consiglio della Capitale con la lista civica Gualtieri Sindaco.

Tutti d’accordo sulla necessità di incentivare la mobilità sostenibile e lo sharing, conquistati dal monopattino, l’ultima frontiera del trasporto: Il ventenne Simone Leoni, Forza Italia: “La qualità dei mezzi pubblici a Roma – ha segnalato Leoni – è molto scadente, per questo all’auto privata è preferibile un’opzione più sostenibile come il monopattino che uso spesso. La prossima amministrazione deve favorire lo sviluppo e la crescita della micromobilità, proteggendo i passi in avanti fatti in questa direzione”.

Federico Lobuono che sostiene Gualtieri sindaco sogna una città in cui i trasporti pubblici siano più convenienti della macchina. Quanto ai monopattini, “penso che qualsiasi mezzo di mobilità sostenibile vada incentivato, ma l’amministrazione deve investire su piste ciclabili e sicurezza in strada Il monopattino lo uso – ha sottolineato dal canto suo Lobuono – ma in sicurezza, come dovrebbe essere sempre usato: con i caschi per i minorenni, non in due, non sui marciapiedi, perché non sono è un luna park ambulante, ma un mezzo per cittadini che devono andare a scuola, al lavoro o a casa, più agilmente”.

Il confronto è stato promosso da Link, operatore statunitense di micromobilità in sharing. Matteo Ribaldi è responsabile degli affari costituzionali della società: “Dovremmo andare verso un cambio di paradigma, volto a una fruizione diversa della strada. Si può fare con investimenti per la creazione di piste ciclabili e di punti di parcheggio ad hoc per monopattini e biciclette, o può passare per scelte coraggiose come quella fatta dalla sindaca di Parigi, di creare zone con limite di velocità a 30 chilometri”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli