La Roma si muove per Mandragora: dalle clausole 'pro Juve' alla concorrenza della Fiorentina

Andrea Distaso

C'è un nome che accomuna i desideri di Fiorentina e Roma di aumentare la qualità dei rispettivi reparti di centrocampo, quello di Rolando Mandragora. Il calciatore dell'Udinese viene considerato l'elemento ideale soprattutto dai giallorossi, che hanno riscoperto l'emergenza in mezzo al campo dopo il recente infortunio patito da Diawara. Il ds Petrachi ha avviato i primi contatti col club bianconero, ma la trattativa si preannuncia tutt'altro che semplice.

TRATTATIVA DIFFICILE - La Roma non ha grandi margini di manovra in questa particolare fase del mercato, sia per questioni di budget che quelle strettamente legate al possibile passaggio di proprietà della società da Pallotta a Friedkin. Ragion per cui la formula prospettata all'Udinese è sempre quella del prestito con diritto di riscatto, tutt'altro che gradita dalla famiglia Pozzo. I bianconeri hanno investito la bellezza di 20 milioni di euro per acquistare Mandragora dalla Juventus, che ha posto ulteriori condizioni nell'affare. I campioni d'Italia possono esercitare il diritto di riacquisto a 26 milioni entro la fine di questa stagione e, nel caso in cui l'Udinese volesse piazzare il giocatore a un altro club prima di questa scadenza, dovrebbe versare alla Juve 200.000 euro e un premio pari al 50% dell’eventuale differenza positiva tra il valore della cessione ed i € 20 milioni.

E LA FIORENTINA... - Una serie di clausole che, unita alla richiesta minima dell'Udinese di 30 milioni di euro per l'ex capitano dell'Under 21, non agevola la buona riuscita dell'affare in favore della Roma, che ha però una indiscutibile necessità di trovare una valida alternativa all'irrinunciabile Veretout, considerando anche il precario momento di forma di Cristante. E sullo sfondo si muove la Fiorentina, che con l'operazione Cutrone ha mostrato disponibilità a compiere tutti gli sforzi necessari per rinforzare la rosa di Iachini. L'incompatibilità tattica tra Badelj e Pulgar ha indotto il successore di Montella a chiedere un nuovo centrocampista, aprendo di fatto la sfida con la Roma.