Roma, coppia di giovani aggrediti da un uomo perché omosessuali

·2 minuto per la lettura
aggressione omofoba
aggressione omofoba

Arriva da Roma l’ennesima segnalazione di un’aggressione omofoba, questa volta ai danni di due ragazzi che sono stati presi a calci e pugni presso la stazione di Valle Aurelia dopo essere stati visti scambiarsi un bacio mentre attendevano il treno. I fatti sono accaduti lo scorso 26 febbraio, ma sono stati divulgati soltanto ora dal portale Gaynet per poter agevolare lo svolgimento delle indagini. Uno degli aggrediti è infatti un socio dell’associazione.

GUARDA ANCHE - Omofobia, parla la coppia gay aggredita a Padova

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Aggressione omofoba a Roma

Come spiegato da Gaynet nel post dove viene mostrato il video dell’aggressione, tutto è iniziato con una persona che dall’altra parte della stazione aveva notato i due ragazzi scambiarsi un bacio in attesa del treno. Dopo aver attraversato i binari della ferrovia ed essere giunto sulla loro banchina ha poi iniziato a esclamare “Non vi vergognate?” per poi aggredirli prendendoli a calci e pugni, fortunatamente senza gravi conseguenze fisiche per i due ragazzi aggrediti. Il video è stato girato da un amico della coppia che era assieme a loro e che in queste ore sta facendo il giro del web.

Come riportato sempre da Gaynet Roma però, sporgere denuncia alle forze dell’ordine non è stato facile per i due ragazzi: La polizia ha faticato a comprendere il movente omofobo ed è servita una integrazione della denuncia per mettere nero su bianco la richiesta di recuperare i video delle telecamere di sicurezza, che proverebbero la dinamica dei fatti. Attualmente non sappiamo ancora se le immagini saranno recuperate, poiché vengono distrutte ogni 7 giorni e questi passaggi hanno determinato una notevole perdita di tempo. Attendiamo adesso il pronunciamento del pubblico ministero su quanto accaduto, auspicando che si faccia tutto il possibile per l’identificazione dell’aggressore e per classificare questo reato nel miglior modo possibile secondo gli attuali strumenti giuridici”.