Roma, da gennaio crocerossine e volontari Cri al Dea Campus Bio-Medico

Cro-Mpd

Roma, 3 dic. (askanews) - Sarà attivo da gennaio 2020 l'accordo tra la Croce Rossa-Area Metropolitana di Roma Capitale e il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma che prevede la collaborazione gratuita di 30 infermiere volontarie diplomate e/o allieve e 30 volontari della CRI, Comitato area metropolitana di Roma Capitale, che saranno attivi presso il nuovo Dipartimento di Emergenza e Accettazione della struttura ospedaliera universitaria della Capitale. L'accordo verrà firmato giovedì 5 dicembre, presso il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, dal Presidente della Croce Rossa Area Metropolitana di Roma Capitale, Debora Diodati, e dal Direttore Generale del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, Paolo Sormani.

La scelta della data - chiarisce una nota - non è casuale: è la Giornata Mondiale del Volontariato. Alla firma saranno presenti anche l'Ispettrice Provinciale delle Infermiere Volontarie, Sorella Eleonora Brugnone, che, insieme al Direttore della Direzione Assistenziale Professioni Sanitarie e Professore Associato dell'Università Campus Bio-Medico di Roma, Daniela Tartaglini, ha organizzato un convegno per esplorare le forme di interazione tra volontari e strutture sanitarie a favore della qualità dell'accoglienza delle persone in ospedale. L'incontro - durante il quale sarà siglato il protocollo d'intesa - avrà il titolo "Insieme per accogliere, confortare e assistere il cittadino in situazioni di emergenza - urgenza" e inaugura l'inizio di una collaborazione fondata su principi condivisi: accoglienza, conforto e assistenza del cittadino in situazioni di emergenza-urgenza.

"A operare all'interno del Policlinico saranno 30 infermiere volontarie o allieve e 30 volontari di CRI A.M. di Roma. Per le crocerossine che con la loro attività di volontariato supporteranno l'attività infermieristica questo varrà anche come tirocinio formativo per le allieve. I volontari supporteranno i pazienti negli spostamenti e nell'assistenza in generale, anche in previsione dell'imminente apertura del Pronto Soccorso", dice Debora Diodati che non nasconde la sua soddisfazione per quella che definisce "una collaborazione che vedrà il volontariato in prima linea nel dare sostegno e conforto alle persone in cura presso il Policlinico, dando modo a tante persone di trovare nella Croce Rossa un punto di riferimento e un sostegno nel solco della migliore tradizione del volontariato di Croce Rossa in campo sanitario". (Segue)