Roma, D'Amato su galleria Giovanni XXXIII: attenti a ospedali

Bet

Roma, 7 gen. (askanews) - "La preventivata ipotesi di chiusura della Galleria Giovanni XXIII da parte dell'Amministrazione comunale di Roma deve tener conto della peculiarità in quel quadrante dell'emergenza sanitaria. In particolar modo in quella zona insistono diverse strutture ospedaliere tra le quali il DEA di II livello del Policlinico Gemelli, il DEA di I Livello dell'ospedale San Filippo Neri, il presidio ospedaliero Cristo Re (sede di pronto soccorso)". Con questr parole l'Assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato, che ritiene "opportuno che si verifichi l'impatto della prevista chiusura su queste strutture al fine di non pregiudicarne l'attività assistenziale e di emergenza. Stiamo parlando inoltre di un'arteria utilizzata dai mezzi dell'emergenza del Ares 118 in occasione degli eventi sportivi che si tengono presso l'area del Foro Italico e dello Stadio Olimpico. Ad oggi non abbiamo cognizione della viabilità alternativa e le strutture del servizio sanitario non sono state coinvolte" spiega l'assessore.