Roma, Ecoitaliasolidale: al Tevere serve una bonifica complessiva

Red/Nav

Roma, 27 ott. (askanews) - "Il Tevere ha necessità urgente di un intervento complessivo". E' quanto affermano in una nota Piergiorgio Benvenuti e Fabio Ficosecco, rispettivamente Presidente Nazionale e Responsabile romano del Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale che da sempre si è attivato per la piena navigabilità del Tevere, la riqualificazione del tratto fluviale e degli argini. Il Tevere è nel degrado da anni -proseguono Benvenuti e Ficosecco - e da tempo tutti i nodi cominciano a venire al pettine. Ad esempio, oltre 250.000 cittadini dell'area metropolitana di Roma proseguono a poter essere soggetti ad uno stato di rischio idraulico anche di fronte a semplici piogge, temporali e precipitazioni 'non estreme', a causa dell'assenza o carenza di manutenzione per circa 700 km di fossi e canali, delle rive del Tevere oltre che dell'Aniene.

Come Ecoitaliasolidale, da tempo denunciamo l'incuria del Tevere, dei suoi argini e delle banchine sollecitando la necessità di aggiornare il Piano di Protezione civile con l'inserimento delle nuove aree a rischio idrogeologico. E' necessario un "accordo di collaborazione" fra più Enti, e proseguiamo a chiedere cosa sta facendo l'Ufficio Speciale Tevere istituito dal Comune di Roma nel marzo 2018 e di cui però non si ha più notizie.

Ecoitaliasolidale rinnova la proposta di realizzare un unico Ente gestore che si occupi della riqualificazione del tratto fluviale, la depurazione delle acque, la piena navigabilità del fiume, sia per la mobilità alternativa che per lo sviluppo turistico della città, la valorizzazione degli argini, comprese le competenze sulla pista ciclabile, del poco che rimane dell'esistente ippovia e la gestione dei parchi fluviali che ancora non sono stati avviati.

Ora ci attendiamo, al di là delle semplici promesse, una piena riqualificazione dell'intero tratto del fiume e degli argini, affinchè relitti, come rifiuti gettati o carcasse di varia natura vengano totalmente rimosse e -concludono Benvenuti e Ficosecco- finalmente il "biondo Tevere" possa diventare nuovamente un bene ambientale e storico vanto della Capitale d'Italia.