Roma, ennesimo furto alla scuola Garibaldi di via Mondovì

sam/

Roma, 1 dic. (askanews) - Terzo furto in un mese e mezzo quello compiuto nella notte tra venerdì e sabato nella scuola Giuseppe Garibaldi di via Mondovì, nel quartiere Appio Latino a Roma. Ignoti si sono introdotti nel plesso forzando una porta del "Bibliorto" al piano seminterrato, da cui sono poi riusciti ad accedere ai piani alti della scuola. Al momento non è stato possibile stilare un bilancio completo degli oggetti rubati, perché solo le insegnanti conoscono l'esatta dotazione di ogni aula.

Anche questa volta, i ladri non hanno toccato i Pc "desktop" dell'aula di informatica ma si sarebbero concentrati sui Pc portatili collegati alle Lim (lavagna interattiva multimediale), ormai tutti spariti. L'inventario verrà fatto domani, ma di sicuro mancano all'appello tre computer di tre diverse classi, due zaini, 4 monitor nuovi.

Un primo furto era avvenuto nella notte tra l'8 e il 9 ottobre, il secondo nella notte tra il 26 e il 27 novembre e l'ultimo nella notte tra il 28 e il 29. Le azioni sembrano anche di natura meramente vandalica, in quanto i ladri hanno forzato e rotto una finestra al seminterrato, cosa del tutto inutile una volta forzata la porta. Sul caso indagano i carabinieri, che hanno svolto un sopralluogo.

La scuola Giuseppe Garibaldi fu progettata e realizzata nel 1925 da Vincenzo Fasolo, uno dei più insigni storici dell'architettura del suo tempo. Al momento, come la maggior parte delle scuole romane, avrebbe bisogno di urgenti lavori di manutenzione.