Roma, Fdi: bilancio grillini è flop di tagli debiti e contentini

Sis

Roma, 30 lug. (askanews) - "La discussione sull'assestamento di bilancio di Roma Capitale sta procedendo con grave lentezza a causa dei ritardi da parte dei grillini, che a meno di 48 ore dalla scadenza del termine di legge ancora si attardano in discussioni interne probabilmente legate a qualche contentino da dare ad esponenti di maggioranza". E' quanto dichiarano in una nota congiunta gli esponenti di Fdi, Andrea De Priamo capogruppo in Campidoglio, i consiglieri comunali Francesco Figliomeni e Lavinia Mennuni, Rachele Mussolini della lista civica 'Con Giorgia'. Fdi "come sempre ha presentato il numero più alto di proposte su tutti i temi volte al miglioramento di una manovra di piccolo cabotaggio - spiegano da Fdi - che peraltro taglia 18 milioni di interventi per opere nel sociale, scuola e cultura ed anche opere pubbliche. Emblematico il taglio di 800.000 euro sul Teatro dell'Opera o lo spostamento al 2020 delle opere di urbanizzazione di Piazza Navigatori". In sostanza, secondo Fdi "i grillini devono inserire fondi per debiti fuori bilancio prodotti anche da loro o non riconosciuti in precedenza e devono ammettere di non aver impegnato più del 10% degli investimenti tanto reclamizzati nel bilancio 2019. Un vero flop a cui si aggiunge il cammino a singhiozzo di questa manovra di assestamento", concludono